Newsletter

Newsletter

Nome
E-mail

close

Gili Lavy

Titolo opera: Furlong
anno: 2019
Categoria opera: video

Furlong, termine antico e caduto in disuso, indicante la lunghezza di un acro, è un’installazione video a tre canali, di cui il primo e terzo mostrano una scansione dall’alto, attraverso un dispositivo militare, di terre e mari in stati post-traumatici, mentre il secondo presenta il grafico animato della misurazione in corso. Il processo ripetitivo e meccanico di misurazione suggerisce la ricerca frenetica di un luogo incontaminato, sconosciuto, forse fittizio: Terra Nullius, una terra che non è mai stata occupata, posseduta o abitata. Basato sulle mappe dell’Europa, dell’area mediterranea e del Medio Oriente, dall’ultimo secolo a oggi, il lavoro esplora il modo in cui i cambiamenti storici e politici hanno lasciato i loro segni sulla geologia del terreno e mette in discussione il bisogno di marcare terreni e creare confini. Montagne primordiali, luoghi antichi e vuoti oceanici: catturando la composizione del paesaggio, la visione verticale dell’opera desidera rivelare le storie nascoste sotto la superficie.

Leggi l’articolo su Inside Art 120: PDF

Furlong